Allenamento con attrezzature isotoniche: i vantaggi

Hai mai sentito parlare di attrezzature isotoniche? Vediamo insieme cosa sono e quali sono i benefici nel loro utilizzo.

Attrezzi o pesi liberi? La diatriba su cosa sia meglio per allenarsi va avanti da più di cent’anni e non accenna a spegnersi. Che i pesi liberi abbiano un ruolo importante nell’acquisire una forma fisica al topo, non c’è dubbio, tuttavia, le attrezzature isotoniche presentano numerosi vantaggi che fanno pendere l’ago della bilancia dalla loro parte.

In quest’articolo scoprirai quali sono i punti di forza dei macchinari fitness e come sfruttarli al meglio per ottenere il massimo beneficio in palestra.

Attrezzature isotoniche: scopriamo i vantaggi per il nostro corpo

Prima di approfondire gli innumerevoli vantaggi delle attrezzature isotoniche, è importante fare un breve excursus sulla biomeccanica del corpo umano.

La biomeccanica (ramo della fisica meccanica) applicata al movimento analizza come reagisce il fisico alle sollecitazioni cui è sottoposto durante l’allenamento. Pertanto, conoscere al meglio la biomeccanica umana è fondamentale per ottimizzare gli esercizi svolti in palestra.

La biomeccanica umana ruota attorno a un concetto chiave, la leva articolare, una struttura formata da una o più articolazioni il cui movimento è determinato dai muscoli che attraversano le giunture.

Tutto l’apparato locomotore, in altre parole le ossa, le articolazioni e i muscoli sono, in pratica, un insieme di leve.

Ogni volta che ci muoviamo, si produce una leva che, in parole semplici, può essere definita come uno strumento necessario per risparmiare energia. Il corpo umano segue una regola fondamentale, ossia l’economia dei movimenti.

Una leva vantaggiosa consente di esprimere la massima potenza o forza muscolare e il movimento messo in atto richiede uno sforzo notevole. Non sorprende, pertanto, se quasi tutte le leve del corpo umano siano svantaggiose, per consentire, dunque, di sprecare meno energia possibile.

Un esercizio corretto, pertanto, deve rispettare la capacità fisiologica delle articolazioni e dei muscoli nel compiere i vari movimenti, senza rischiare di sottoporli a traumi eccessivi.

Per questo motivo, le attrezzature isotoniche rappresentano la scelta migliore per allenarsi e i benefici che ne derivano dal loro utilizzo sono innumerevoli. A una condizione: che siano perfette dal punto di vista biomeccanico.

I vantaggi delle attrezzature isotoniche

Prima di capire quali siano le principali caratteristiche di un attrezzo dalla biomeccanica eccellente, scopri i vantaggi dei macchinari isotonici.

  • Maggiore sicurezza e minore rischio d’infortuni

L’aspetto più importante durante l’allenamento non può che essere la sicurezza.

Rispetto ai pesi liberi, il carico non è sospeso, ma è fissato all’attrezzo e non può colpire o cadere addosso a chi lo utilizza.

Un allenamento sicuro, inoltre, consente di stimolare in maniera più efficace i distretti muscolari interessati e ottimizzare, pertanto, gli effetti dell’esercizio.

Grazie al rischio molto basso di farsi male, le attrezzature isotoniche sono la scelta ideale per tutti coloro affetti da squilibri muscolari, posturali e articolari che per questi motivi non potrebbero esercitarsi in sicurezza con i pesi liberi.

Macchinari evoluti, come gli attrezzi da palestra sviluppati da TECA spiccano tra tutti gli altri per la capacità di stimolare i muscoli interessati senza affaticare inutilmente altri distretti e senza sovraccaricare articolazioni, legamenti e tendini.

Ciò è possibile grazie a una biomeccanica superiore che ha portato alla nascita di alcuni straordinari dispositivi di controllo e sicurezza del movimento, come per esempio il pantografo ad assetto variabile, il sistema biarticolare e basculante, Self Adaptive Control o Range of Motion Limiter.

Tali dispositivi esclusivi contribuiscono a migliorare l’esercizio con le attrezzature isotoniche, rendendolo più facile, più efficace e più sicuro.

  • Facili da usare

Utilizzare le attrezzature isotoniche, piuttosto che i pesi liberi, significa avere una maggiore facilità nel controllare il movimento e gestire meglio il carico di lavoro.

I macchinari, inoltre, consentono di variare rapidamente i carichi di lavoro senza allontanarsi dalla postazione, il che riduce la durata dell’allenamento (caricare e scaricare i bilancieri richiedono tempi abbastanza lunghi).

La possibilità di variare il carico in pochi secondi, infine, rende gli attrezzi fitness particolarmente adatti per le tecniche di allenamento ad alta intensità usate di norma nel body building (stripping, rest pause, set piramidali ecc.).

  • Maggiore isolamento muscolare

Potersi allenare con maggiore sicurezza rispetto ai pesi liberi consente di prestare più attenzione alle fasi critiche del movimento. In uno squat, per esempio, dopo aver raggiunto la massima accosciata, bisogna imprimere forza e velocità per superare i punti morti del movimento e risalire.

Il punto della massima accosciata è anche quello di maggiore tensione e molte persone quando allenano lo squat con il bilanciere tendono ad accorciare il raggio di movimento (ROM), per paura di farsi male o restare schiacciate sotto il peso.

Allenare lo squat con l’apposito macchinario isotonico diminuisce notevolmente il rischio d’infortunio, pertanto si avrà un miglior controllo del ROM e un miglior isolamento dei muscoli target.

  • Consentono di lavorare in tensione continua

Le attrezzature isotoniche si prestano perfettamente per lavori in tensione continua, uno tra i fattori cardini per ottenere un fisico muscoloso. Questo metodo di allenamento, molto intenso, stimola profondamente le fibre muscolari, a patto di combattere la forza d’inerzia con esecuzioni lente e controllate (quindi senza slanci o strappi) che aiuteranno, pertanto, i muscoli a restare sotto tensione per tutta la durata dell’esecuzione, senza punti morti.

Un altro vantaggio dei lavori in tensione continua è la riduzione dello stress da sovraccarico nella fase iniziale e finale del movimento.

La tensione continua è particolarmente adatta per gli esercizi complementari, per l’appunto quasi tutti quelli che possono essere eseguiti con le attrezzature isotoniche.

  • Minore tempo per l’apprendimento motorio

L’apprendimento della corretta tecnica d’esecuzione richiede tempi più brevi e, pertanto, più vantaggiosi. Il movimento sulle attrezzature isotoniche è vincolato, per cui indipendentemente dal carico e dalla direzione imposta dal macchinario, il risultato finale è sempre lo stesso.

Ciò rappresenta un notevole vantaggio per i principianti o per tutte quelle persone che non possiedono buone capacità coordinative, poiché assimilare nuovi schemi di movimento richiederà meno tempo.

Un’accosciata con un bilanciere è sicuramente molto più impegnativa dal punto di vista motorio rispetto al movimento eseguito con un attrezzo come Hack Squat.

Avere un’alternativa al classico squat, pertanto, è fondamentale per chi vuole stimolare le cosce con il re degli esercizi, ma non ha abbastanza coordinazione motoria da poterlo eseguire nel modo tradizionale, usando il bilanciere.

Un controllo motorio inferiore, infine, significa concentrarsi maggiormente sulla tecnica e, pertanto, contrarre più intensamente il muscolo bersaglio.

  • Minore sollecitazione a carico della colonna vertebrale

Rispetto ai pesi liberi, le macchine isotoniche alleggeriscono in parte il carico sulla colonna vertebrale e non richiedono un supporto.

Bilancieri e manubri, infatti, richiedono la stabilizzazione della colonna vertebrale e la necessità di bloccare il rachide durante l’esecuzione fa aumentare il carico degli esercizi. Un carico elevato può comportare pressioni notevoli sui dischi intervertebrali, ma il pericolo diminuisce quando ci si allena con i macchinari.

Con un rachide più protetto, è bene precisare, il rischio d’infortunio si abbassa notevolmente.

  • Meno stress per il Sistema Nervoso Centrale

L’utilizzo di macchine isotoniche stressa meno il SNC, ragione per cui si è meno esposti al sovrallenamento.

L’esercizio fisico è percepito dal nostro organismo come un fattore di stress esterno e quando lo stimolo è eccessivo e ripetuto, come per l’appunto l’allenamento in palestra, la capacità del corpo di reazione e di adattamento viene meno. Un fisico in sovrallenamento non migliora più, registra dei cali della performance, è costantemente stanco e i sintomi non finiscono qui.

Ciò accade quando nel programma di allenamento sono utilizzati soprattutto esercizi multi articolari con pesi liberi (stressano notevolmente il SNC) e quando l’allenamento è portato spesso a cedimento (pesi molto alti e basse ripetizioni) oppure si utilizzano senza una corretta programmazione tecniche di alta intensità (stripping, rest pause, superset, set giganti, per nominare solo alcune).

Al contrario, il Sistema Nervoso Centrale è meno stressato dall’esercizio con i macchinari, per cui l’allenamento con le attrezzature isotoniche produrrà miglioramenti costanti e continui.

Come avrai ben capito leggendo questo articolo, utilizzare attrezzature isotoniche ha i suoi vantaggi.

Teca Fitness il tuo produttore di attrezzature isotoniche

Se vuoi aprire una palestra e sei alla ricerca di attrezzature isotoniche allora non esitare a contattarci. Per avere più informazioni sui prodotti contattaci via mail all’indirizzo info@tecafitness.com o chiamaci al numero 085.903301. Ti aspettiamo in Via Vestina 346, 65015 Montesilvano (PE).